Con Wildix in campo… c'è sempre campo!

Squilli, problemi di campo, chiamate perse, impossibilità di contattare la persona che si desidera, bollette imprevedibili. Anche in epoca di web, chat e Whatsapp, la telefonìa classica è un asset fondamentale per le aziende di oggi, sia per le comunicazioni interne, sia per raggiungere clienti e fornitori, sia per essere contattati. E… con i sistemi di Unified Communication tutto cambia!

La storia della telefonìa

Il “telettrofono” di Antonio Meucci è il padre di tutta la telefonìa ma pochi sanno che la trasmissione della voce per via elettrica nacque per puro caso. Nel 1849 a Cuba, Meucci si accorse fortuitamente che attraverso i fili elettrici poteva essere trasmessa la voce, nacque così il "telegrafo parlante". Con la malattia dell'amata Ester, nel 1954, Meucci sviluppò il suo dispositivo per trasmettere la voce, realizzando un interfono fra il proprio laboratorio e la camera da letto, dove giaceva la moglie. Il primo "telettrofono" è del 1856 ma è solo un decennio dopo che l'apparecchio divenne pressoché perfetto.

In Italia risalgono all'anno 1877 le prime sperimentazioni telefoniche. 4 anni dopo veniva avviato il servizio telefonico che nel 1892 trova la sua prima normativa di settore. È di qualche anno dopo l'adozione del "Pronto" come parola d'avvio delle conversazioni: la parola veniva pronunciata dalle centraliniste per segnalare la connessione e divenne presto una convenzione per tutti gli utenti del servizio.

Nel 1927, quando la SIP iniziava a prevalere sugli altri gestori privati, venne inaugurato il primo telefono per chiamare i taxi.

Alla fine del secondo conflitto bellico solo 3 italiani su 100 erano possessori di telefono.

Dal 1945 al 1950 si diffusero i telefoni da installare nelle automobili, occupavano l'intero bagagliaio e prosciugavano le batterie dei veicoli.

Tra il 1960 e il 1962 prendono avvio le trasmissioni telefoniche dell'impaginato dei giornali (New York Times) e il fax (Wall Street Journal).

La fibra ottica è del 1970, del 1973 il primo cordless, del 1979 il primo cellulare. Ha data 1986 il Numero Verde, che in Italia permette alle persone di contattare gratuitamente aziende ed enti (nel decennio successivo raggiungere le aziende sarà invece un onere economico a causa della diffusione dei numeri a tariffazione speciale, come il numero 199). Nel 1989 arriva sugli scaffali il Micro Tac Motorola, del 1992 gli SMS su rete GSM.

Il VoIP nasce nel 1995, nel 1998 viene commercializzato il primo Internet Phone, seguito a distanza di un anno dal WAP.

Tra il 2003 e il 2008 le SIM in Italia crescono del 58,11%, arrivando a 155,77 per 100 abitanti. Nel contempo la telefonia fissa perde quota arrivando a toccare i 40,11 apparecchi ogni 100 abitanti. Sempre nel 2003 nasce Skype.

Nel 2016 gli utenti mobile del web superano quelli desktop. Oggi, 2019, Internet è più messaggistica che navigazione.

Il bisogno di essere in contatto con le aziende

Oggi la possibilità di entrare in contatto facilmente con le aziende è una feature che qualsiasi cliente, anche business, considera irrinunciabile. Anzi: è ormai una pretesa. Del resto già nel 1999 "The Clue Train Manifesto" asseriva che "I mercati sono conversazioni" e che "Ciò che accade ai mercati accade anche a chi lavora nelle aziende. L’entità metafisica chiamata Azienda è la sola cosa che li divide".

A tutto questo si aggiunga che lo smart working, la dislocazione dei collaboratori, la necessità di muoversi velocemente e di rispondere in tempo reale a qualsiasi richiesta, rendono l'efficienza della comunicazione una necessità irrinunciabile per chi vuole stare sul mercato.

Wildix: la soluzione definitiva per la telefonia aziendale

Dire Wildix e pensare al VoIP è come dire farina e pensare alla sola focaccia: e il pane? La pizza? Le torte? La pasta? Wildix è telefonia aziendale ovunque, in modo diretto ma anche via app, in modalità desktop ma anche mobile, in voce e in multimedia, con centralino o per via diretta, per piccoli uffici ma anche per grandi aziende. Insomma, Wildix, attraverso la tecnologia VoIP riesce a rendere la comunicazione un sistema integrato in qualsiasi flusso di lavoro, sempre ON e con la massima qualità.

Grazie a Wildix ogni persona può decidere di utilizzare il proprio device personale ed essere sempre raggiungibile, anche in movimento. Per le aziende la piattaforma offre pannelli di controllo e monitoraggio ad altissime prestazioni e con una profondità di analisi mai vista sinora.

Per i team di lavoro è possibile non solo chiamare e videochiamare ma scambiarsi messaggi di testo, annotare appunti e trasferire file. Insomma, non solo telefonia, non solo VoIP ma un mondo di possibilità per lavorare meglio e rendere i clienti più soddisfatti.

Non solo: nuovi strumenti e possibilità di comunicazione, diffondono buone pratiche e fanno crescere la consapevolezza del ruolo strategico del comunicare.

Virtual Office: scartare la concorrenza grazie ai sistemi di Unified Communication

Instant messaging, Telefonia IP, videoconferenze, segreteria telefonica, e-mail, SMS, fax... Quando tutto è centralizzato e coordinato, allora comunicare diventa realmente apportare vantaggi alla propria azienda. Quando non c'è alcuna difficoltà a entrare in relazione con le persone, la differenza con i competitor si vede, la produttività cresce e il mercato apre prospettive che prima erano - semplicemente – inimmaginabili. Tutto questo si chiama Unified Communication e Wildix ne è l'interprete principale.

La risposta alla domanda di telefonia oggi non è più solo voce, è Unified Communication!

Cosa penseresti di un'azienda i cui uffici hanno ancora i vecchi telefoni in bachelite? Se non vuoi che i tuoi clienti pensino la stessa cosa di te partecipa a Virtual Office, il 25 settembre  presso la Scuola Normale Superiore di Pisa. La partecipazione è gratuita ma i posti sono pochi. Iscriviti subito!

share