Fatturazione elettronica: come affrontarla?

Consulenti fiscali o professionisti informatici? Dal 1° gennaio 2019 un buon Consulente del lavoro dovrà essere in grado di ovviare a entrambi i ruoli. Perché? A causa della famigerata fatturazione elettronica il professionista non dovrà porsi solo come consulente fiscale ma anche come abile problem-solver in ambito informatico, in grado di offrire un servizio di assistenza a 360 gradi. Perché la rivoluzione digitale ha colpito tutti i settori e chi non riesce ad adeguarsi velocemente rischia di pagarne le conseguenze.

Molte persone reputano la Fatturazione Elettronica una vera e propria perdita di tempo, altri invece la osannano a soluzione di tutti i mali. Tuttavia ad oggi c’è solo una certezza, ovvero l’obbligo di emissione della fattura in formato elettronico che dal primo gennaio dell’anno corrente costringe i professionisti a nuove soluzioni organizzative che vertono verso il digitale.

In cosa consiste la fatturazione elettronica ?

La fatturazione elettronica è il processo di emissione, invio e ricezione di una fattura in formato XML obbligatorio per tutti. La fattura viene emessa dal software gestionale e inviata al Sistema di Interscambio (SDL) dell’Agenzia delle Entrate.

“Il cambiamento non è mai doloroso, solo la resistenza al cambiamento lo è”. Questa citazione di Buddha ci insegna che solo accettando il cambiamento saremo in grado di andare avanti e migliorare le nostre proposte commerciali.

Siamo di fronte a una vera e propria rivoluzione nel modo di affrontare la professione ma si sa, i mestieri cambiano ma muoiono solo i professionisti che non sono in grado di adeguarsi alle nuove metodologie.