L’Intelligenza Artificiale al servizio della Cyber Security

Sempre più frequentemente si associa l’intelligenza artificiale alle nuove frontiere di protezione dalle minacce informatiche. L’AI, infatti, permette di potenziare le capacità predittive dei sistemi di controllo di aziende e organizzazioni pubbliche per essere al riparo da attacchi sofisticati. 

In un mondo sempre più connesso in cui non esiste un perimetro aziendale definito e definibile, è diventato impossibile difendersi utilizzando i sistemi di sicurezza statici. Nasce così l’esigenza di adottare soluzioni software all’avanguardia in grado non solo di proteggere le aziende ma anche di prevenire e bloccare automaticamente le minacce, utilizzando meccanismi di intelligenza artificiale.

Molto probabilmente il 2020 entrerà nella storia come l’anno del primo attacco informatico contro un’azienda basato sull’AI. Incorporare l’intelligenza artificiale consentirà agli hacker di ottenere una velocità e scalabilità mai raggiunte prima. Una nuova generazione di malware ribattezzati Offensive AI, che riuscirà a comprendere l’ambiente IT e sfruttare le informazioni presenti per gestire meglio l’offensiva, rubando allo stesso tempo quanti più dati possibili. Ecco il motivo per cui sempre più aziende decidono di adottare sistemi di sicurezza informatica all’avanguardia.

Cybercrime: confronto fra passato recente e futuro

Secondo quanto riportato dall’ultima edizione del rapporto Clusit, nel 2019 l’impatto del ransomware è stato molto forte. Si tratta del malware più utilizzato - circa l’85% - per estorcere informazioni o denaro. Mentre lo scorso anno i suddetti virus, infiltrati prevalentemente nelle reti IT tradizionali. avevano un obiettivo di natura puramente economica, nel 2020 verranno utilizzati per interrompere le attività di importanti infrastrutture digitali, rompendo gli equilibri di catene industriali nel settore delle telecomunicazioni, dei trasporti o dell’energia. Azioni mirate non al compenso economico ma all’interruzione di importanti servizi.

Il 2020 sarà anche l’anno di svolta per le aziende che adotteranno metodi di Intelligenza artificiale per combattere le minacce informatiche, come quelli di Darktrace Antigena, la prima soluzione al mondo di Risposta Automatica, che reagisce in pochissimi secondi agli attacchi, funzionando come un anticorpo digitale che genera misure proporzionate in caso di aggressione a infrastrutture di rete fisse, cloud o e-mail. 

Perché attendere ancora? Iscriviti al webinar gratuito sulla Cyber Security in programma il 9 aprile:

Jacopo Zumerle di Darktrace ci guiderà all’interno di un mondo tutto nuovo. 

share